Esito positivo per la manifestazione “eVento diVino”

Presenza e partecipazione nutrite per “eVento diVino”, l’iniziativa a scopo di beneficenza sostenuta dall’associazione “Insieme per l’Africa” che ha avuto luogo sabato scorso pressoTenuta Montevitolo.

La manifestazione si è svolta nella cornice murgiana di una masseria immersa nell’essenza travolgente e rassicurante dei vigneti e degli uliveti. Nel sapore acre e genuino delle nostre origini e tradizioni.

Complici l’atmosfera e la brezza autunnali, i partecipanti hanno potuto degustare prelibatezze gastronomiche tipiche della cucina casereccia, riscaldati dall’ilarità del vino prodotto dai fratelli Alicino, le cui tecniche di lavorazione sono state da loro illustrate, nel corso stesso della serata, assieme alla presentazione dell’olio bio Alicino, di qualità coratina. Il tutto tra canti popolari e letture musicate di aforismi di ispirazione dionisiaca, attinti da un vasto repertorio letterario.

«Le nostre aspettative sono state ampiamente onorate. Oltre tremila euro il ricavato della serata, per un progetto umanitario al quale ci stiamo dedicando da tempo con cura e abnegazione», ha dichiarato entusiasta Emanuele Mastropasqua, presidente dell’associazione promotrice dell’evento che ha ringraziato di cuore i fratelli Alicino per aver messo a disposizione la location e preparato il buffet servito agli ospiti della serata.

Una somma considerevole, quella raccolta sabato scorso, che va ad aggiungersi alla somma già accumulata e devoluta per l’ultimazione di una scuola intitolata a mons. Di Donna in Madagascar, un edificio costituito da otto aule, un laboratorio di informatica, una sala docenti, una direzione e dei servizi esterni distribuiti su una superficie di metri quadrati 700.

L’intento di “Insieme per l’Africa” non è unicamente quello di occuparsi della realizzazione di tale opera, la cui inaugurazione è prevista di qui a qualche mese, ma anche e soprattutto quello di controllare e monitorare la fase successiva di attivazione e messa a regime dei servizi di cui la scuola dispone.

fonte Andrialive.it

No Comments

Post a Comment